Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  



Tutte le notizie
010 agosto 2020 - SALERNO - Cattedrale di san Matteo. Navata settentrionale, cappella famiglia Pinto #laculturanonsiferma ultime
  La cappella presenta l’altare con la cona marmorea realizzati da Virginio Ogna nel 1708, una delle prime commissioni ricevute dall’artista nella nostra cattedrale. Sull’altare è collocato un dipinto raffigurante l’Immacolata con i santi Filippo Neri e Michele Arcangelo. I tratti stilistici evidenziano una cultura rococò influenzata dal pittoricismo giordanesco e dalle stesure vaccariane e consentono una attribuzione al pittore Michele Ricciardi, attivo nella prima metà del XVIII secolo sopr
[continua a leggere]

007 agosto 2020 - SALERNO - Cattedrale di san Matteo. La Basilica superiore – Navata settentrionale. #laculturanonsiferma ultime
  Le cappelle della navata sinistra sono perfettamente corrispondenti, anche nelle misure, a quelle della navata destra in rispetto di una regola di simmetria scelta dall’architetto Carlo Buratti durante i lavori degli inizi del XVIII secolo. In realtà esse non esistevano come vani autonomi. E, se per il lato meridionale furono ricavate dal corridoio cimiteriale che gli stava addossato, per il lato settentrionale fu necessario scavarle nel terrapieno. La loro ultimazione avvenne verso la fine del secondo decennio del X
[continua a leggere]

007 agosto 2020 - SALERNO - Il Panno di San Matteo ritorna al Duomo ultime
Ritorna restaurato il Panno di San Matteo al Duomo di Salerno. La consegna al parroco don Michele Pecoraro è stata effettuata dalla restauratrice Daniela Mellone della RE.CO.ART di Montecorvino Rovella (SA), ditta accreditata dalla Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino  COMUNICATO STAMPA
[continua a leggere]

006 agosto 2020 - SALERNO - Cattedrale di san Matteo. Navata meridionale - sarcofago di Giacomo Capograsso #laculturanonsiferma ultime
  Subito dopo la porticina delle scale di accesso alla cripta, è collocato il sarcofago di Giacomo Capograsso. Il monumento funebre è composto di due parti, la cassa corrispondente al reimpiego di un sarcofago romano, ed il coperchio costituito da una lastra di marmo lavorata a rilievo con tre clipei. I due laterali con lo stemma del casato, mentre quello centrale contiene l'immagine della Madonna con il Bambino.  La forza scultorea e la qualità del monumento evidenziano una forte influenz
[continua a leggere]

005 agosto 2020 - SALERNO - Cattedrale di san Matteo. Navata meridionale - cappella De Vicariis #laculturanonsiferma ultime
  La cappella De Vicariis riveste una grande importanza per la cultura artistica del XVI secolo in quanto costituisce uno dei pochi monumenti rinascimentali presenti in città anche se smembrato e riassemblato in malo modo. L’altare antistante, infatti, è una cattiva opera ottocentesca, mentre il dipinto raffigurante l’adorazione dei magi con S. Elena nella lunetta è una copia del 1814 realizzata dal pittore Gioacchino Vitiello in sostituzione dell’originale su tavola di Andrea Sabatini da Salerno,
[continua a leggere]

005 agosto 2020 - SALERNO - Cattedrale di san Matteo. Navata meridionale - cappella Mazza #laculturanonsiferma ultime
  Al posto delle cappelle della navata in origine c’era un lungo corridoio addossato alla chiesa definito la Terra Santa. Dopo il terremoto del 1688 l’intero spazio fu abolito ed al suo posto furono costruite le nuove cappelle con robuste fondamenta aventi la funzione anche di sostegno della cattedrale. Cappella Mazza La prima cappella in origine era il vano attraverso il quale da un lato si accedeva al corridoio cimiteriale e dall’altro si saliva la scala che conduceva dall’interno al campanile ed ai vani del
[continua a leggere]

005 agosto 2020 - SALERNO - Cattedrale di san Matteo. Navata meridionale - cappella Del Pezzo o del SS. Rosario. #laculturanonsiferma ultime
                                              Scultura a mezzobusto di Pietro del Pezzo, realizzata da Gennaro Di Filippo La cappella in origine apparteneva alla famiglia Palearia ed era dedicata alla Madonna del Rosario, di cui esisteva un dipinto su tavola. Nel 1724, per via matrimoniale, è passata ai Del Pezzo, e la sua dedica è passata alla Vergine Addolorata. Il nobile giurista Pietro del Pezzo, devoto verso
[continua a leggere]

005 agosto 2020 - AVELLINO - Pinacoteca provinciale “O tempora! O mores” di Achille Martelli #laculturanonsiferma ultime
  Tra i dipinti più noti del Martelli dobbiamo annoverare O tempora! O mores, appartenente alla collezione della Provincia di Catanzaro. Il pittore nel 1878 ne realizzò una copia su ceramica, legata per testamento alla Provincia di Avellino e oggi in mostra nella pinacoteca cittadina. Il pittore, infatti, sperimentò dagli anni ’60 in poi, la decorazione su ceramica utilizzando dapprima la tecnica del disegno su piatti a fumo insieme al suo compagno di vita ed esperienza artistica Michele Lenzi. Negli anni
[continua a leggere]

005 agosto 2020 - SALERNO - Cattedrale di san Matteo. Navata meridionale - cappella Della Calce o Purificazione. #laculturanonsiferma ultime
  La cappella storicamente costituiva lo spazio di culto della famiglia Della Calce, già prima della ristrutturazione settecentesca. E’ anche detta della Purificazione come dimostra il soggetto del dipinto collocato sull’altare raffigurante La presentazione al tempio di Gesù, opera del pittore Matteo Chiariello, attivo in città nel terzo decennio del XVIII secolo. L’artista denota una stretta osservanza della cultura della scuola di Francesco Solimena operando ampi prelievi dalla celebre
[continua a leggere]

005 agosto 2020 - SALERNO - Cattedrale di san Matteo. Navata meridionale - cappella Della Calce o Purificazione #laculturanonsiferma ultime
  Sul lato di fronte alle scale che menano alla cripta è collocato un importante monumento funebre composto da due parti di epoche diverse. La cassa corrisponde al reimpiego di un sarcofago romano, mentre la copertura è una lastra con altorilievo di un guerriero angioino defunto con il proprio abbigliamento militare, erroneamente tramandato come sepoltura di Ruggero Borsa, il figlio ed erede di Roberto il Guiscardo, morto nel 1111. Sul pettorale è ben evidente a tutto campo una grande stella con otto punte
[continua a leggere]
1135 notizie presenti.

Pagine - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 »»

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Funzionari di zona
Demoetnoantropologia 2
Siti e Aree Archeologiche 2
Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
Premio Internazionale Cilento Poesia



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino. Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it
Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2022 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata  
Sviluppo sito sino al 2014 a cura di dal 2015 -->Giancarlo Buzzanca - DG-OR